Angolo di cielo

registrato su http://www.siticattolici.it/ e su http://www.noicattolici.it/







Tutti gli orari sono UTC + 1 ora

Accedi alla Versione Mobile

Regole del forum


Primo: Nessuno deve dire alcunché contro Dio.
Secondo: Si può criticare la Chiesa, se non conforme a Cristo, ma non la Scrittura che è Cristo.
Terzo: Non si offendono gli utenti del Forum.
Quarto: Ognuno è libero di esprimere le proprie idee nel rispetto degli altri.
Quinto: Tenere presente che per alcune persone Dio non è un optional.
Sesto: L'Amministratore agisce con autorevolezza.
Settimo: "Non condivido le tue idee, ma morirei perché tu le possa esprimere".
Ottavo: Non si fanno questioni personali, per le diverse idee espresse.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Il topo di campagna e il topo di città
MessaggioInviato: lunedì 24 gennaio 2011, 19:59 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 14:59
Messaggi: 4105
Sito web: Visita
L'originale è di Esopo. Poi se non ricordo male, la trascrisse Fedro in Latino, e forse anche Orazio. Quella che qui si propone è la versione Italiana di Gasparo Gozzi (1713-1783), che mise in versi questo splendido racconto, che ha una sua morale ben precisa, e forse, più di una...


Il topo di campagna e il topo di città [k-Topi]

Un sorcio, che in città facea sua vita,
vide un dì il cielo placido e lucente.
Questo ad uscire e a passeggiar l'invita
alla campagna ed a fuggir la gente.
E mentre in parte ombrosa e assai romita
si gode, e nulla fuor che l'aura sente,
con passo onesto e faccia assai tranquilla
gli venne incontro un topolin di villa.
Con somma cortesia fan le abbracciate,
diconsi ben venuto e ben trovato:
fin che il sorcio di villa disse: - "Entrate
meco in un bucolin da questo lato:
certo vogl'io che un bocconcel mangiate,
e siate del cammino ristorato". -
Così gli dice, e seco il conducea
nel bucolin che per albergo avea.
Quivi il povero sorcio contadino
con noci e poma e pere ed altre frutte
fa'gli accoglienza come a un suo cugino
ma perde le fatiche e l'opre tutte;
poi che al sorcio gentile cittadino
paion quelle vivande vili e brutte;
nessuna di sé degna tien che sia,
onde le assaggia sol per cortesia.
E su 'l partirsi con gentil parlare
dissegli: - "Amico, deh! Fammi un piacere
io t'attendo doman meco a pranzare:
sto nel tal loco: addio: viemmi a vedere". -
Vassene; e l'altro, che solea mangiare
spesso radici e gli parea godere,
ritrova il cittadino a grande onore
star nella guardaroba d'un signore.
La casa ivi parea dell'abbondanza:
cacio, prosciutti, salsicce e salami,
olio e butirro v'è si che n'avanza,
roba per mille seti e mille fami.
È ricevuto con gentil creanza;
e perché a suo piacer mangi e si sfami,
tosto senza aspettar desco o tovaglia,
assalgon tutti e due la vettovaglia.
Ma una gatta miagolar si sente,
onde si credon morti e rovinati:
fuggono tosto, e cascan lor dal dente
i cibi saporiti e delicati.
Passato il rischio vanno incontinente
alla lor mensa, ed eccogli assettati:
ma ecco un cuoco apre la serratura
e si rimpiattan pieni di paura.
La terza volta tornano a sedere:
la terza volta ancor credon morire,
perch'entra nella stanza uno staffiere
che gli fa dalla tavola fuggire.
Tornan la quarta e speran di godere;
ma una femminetta ecco venire,
onde di su e giù vengono e vanno,
con sospetto ogni volta e con affanno.
Il sorcio villanel, che ognora visse
felicemente e cheto nella sua campagna,
e cupidigia o tema non l'afflisse,
e vede or morte ogni boccon che magna,
prese licenza e in tal guisa gli disse:
- "La tua gran mensa il cor non mi guadagna.
Ti dico il vero: a me, fratel, non piace
tanta abbondanza e non aver mai pace".

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Il topo di campagna e il topo di città
MessaggioInviato: martedì 25 gennaio 2011, 15:59 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum

Iscritto: martedì 11 gennaio 2011, 17:01
Messaggi: 290
La morale a me sembra chiara: meglio poco in santa pace, che molto nella paura.
Molto carino il racconto! [k-bravo] [k-bravo]


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


   Argomenti correlati   Risposte   Visite    Ultimo messaggio 
Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Allegato(i) Campagna elettorale 2013

[ Vai alla pagina: 1, 2, 3 ]

in Varie e attualità

11

586

mercoledì 20 febbraio 2013, 14:26

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Campagna elettorale delle politiche iniziata?

in Varie e attualità

0

86

martedì 7 agosto 2012, 15:05

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  

cron






Aggiungi http://angolodicielo.altervista.org ai Preferiti!

Blue Glow 2 designed by ChaosBurnt
Powered by phpBB ® Forum Software phpBB 3.0.12 © phpBB Group
phpBB SEO
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
Modificato e aggiornato da Angolo di cielo • 2013

Accedi alla Versione Mobile
Pagina generata in: 0.029 secondi