Angolo di cielo

registrato su http://www.siticattolici.it/ e su http://www.noicattolici.it/







Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Accedi alla Versione Mobile

Regole del forum


Primo: Nessuno deve dire alcunché contro Dio.
Secondo: Si può criticare la Chiesa, se non conforme a Cristo, ma non la Scrittura che è Cristo.
Terzo: Non si offendono gli utenti del Forum.
Quarto: Ognuno è libero di esprimere le proprie idee nel rispetto degli altri.
Quinto: Tenere presente che per alcune persone Dio non è un optional.
Sesto: L'Amministratore agisce con autorevolezza.
Settimo: "Non condivido le tue idee, ma morirei perché tu le possa esprimere".
Ottavo: Non si fanno questioni personali, per le diverse idee espresse.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Con la mano del cuore
MessaggioInviato: giovedì 18 marzo 2010, 22:23 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum

Iscritto: martedì 28 aprile 2009, 12:41
Messaggi: 154
Con la mano del cuore

Non vi è nulla di più concreto e di più ineffabile di una carezza. Dice ciò che non si vede. Racconta l'impalpabile intensità di sentimenti profondi. Comunica la trepidazione di emozioni sommerse. Offre ciò' che non si può chiedere. Domanda quello che si ha il diritto di pretendere. Appaga le aspettative che non si osavano far conoscere.
Il cuore precede le parole; le parole anticipano i passi; i passi mostrano le mani; le mani realizzano il contatto, quindi, l'incontro.

Non vi è amore senza contatto: Non vi è cordialità senza simpatia; non vi è simpatia senza la capacità - anzi , la disponibilità- di condividere, di stare insieme, di farsi carico, di prendersi, appunto, a cuore l'altro e ciò che egli sta vivendo.

Lo sguardo che si posa con benevolenza sull'altro porta pace, gioia, serenità, tenerezza, misericordia, comprensione, vita. Ma uno sguardo che non ha mani e che non ha voce è vuoto, inespressivo, lontano, insignificante.

Come si può guardare un bambino senza sentire il bisogno di accarezzarlo, di prenderlo in braccio, di stringerlo, di stropicciarlo? Senza lasciarsi- a propria volta- guardare, avvicinare, accarezzare, stringere al collo dagli occhi, dalle mani, dalla voce, dal corpo di quello stesso bambino?

L'amore non ha finzioni, né forzature. Fugge il male, si attacca al bene; si rallegra con chi è nella gioia e piange con chi è nel pianto. Si fa vicino, cerca il contatto diretto, personale, profondo: Non si accontenta. Non può starsene lontano, al sicuro.

Nel buio diventa sguardo per chi non ha occhi e cammino per chi non ha piedi. Nel silenzio diventa "parola" di consolazione, di vita, di speranza, di fiducia. Nelle solitudini si fa "mano" pronta a stringere, a scrivere, a custodire, ad accogliere, a donare, a lasciare andare, perfino a perdere. Diventa simpatia, capacità di immedesimarsi, di patire insieme, di entrare in sintonia. Produce cordialità, cioè necessità di donarsi, di consolare, di muoversi a compassione, di fare spazio, di entrare nell'intimo senza invadere, di comprendere senza costringere, di aiutare senza forzare, di donare senza pretendere.

Una carezza è la mano del cuore. Non ha cose da donare. Non ha nemmeno "cose buone" da comunicare. Semplicemente è un segno d'amore che comunica se stesso, che facilmente mette in sintonia con chi raggiunge, prima ancora di riuscire a dire o a fare qualsiasi cosa. L'esserci viene prima del fare.

Non ha bisogno di giustificarsi. Non ha altre finalità. Stringe, avvolge, contiene e rende libero, felice, spingendo l'altro verso l'alto. Contagia, convince, coinvolge. Conosce, lasciandosi conoscere, non temendo di svelare nemmeno la parte di debolezza sempre presente in ognuno. Non è debolezza, infatti, posare la mano del cuore in quella di Colui che mentre ti ascolta, mentre ti guarda, mentre ti parla riesce a riscaldarti dentro. "Non ci ardeva forse il cuore- si dicono i due di Emmaus mentre tenevano tra le mani quel tozzo di pane spezzato rimasto sulla tavola- mentre ci parlava?". E i due, poi, corrono. Vanno di corsa, con il cuore gonfio a festa, a stringere altre mani, condividendo quel po' di pane che lo Sconosciuto incontrato lungo la via aveva trasformato nel pane del riconoscimento, della riconoscenza, della condivisione.

Non c'è tempo per chi si scopre con il cuore in fermento. Non c'è un'ora più' giusta di un'altra per condividere, per entrare in sintonia. "I due" corrono, subito. Le loro mani dapprima bussano, poi stringono, quindi condividono. E tutto diventa luce, grande, importante, anche le cose più piccole.

Questo accade con i frutti dello Spirito.


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


   Argomenti correlati   Risposte   Visite    Ultimo messaggio 
Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Al centro del mio cuore ci sei solo Tu

in Musica sacra e Liturgia

0

180

giovedì 13 novembre 2014, 22:02

Fabrizio Vedi ultimo messaggio



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  

cron






Aggiungi http://angolodicielo.altervista.org ai Preferiti!

Blue Glow 2 designed by ChaosBurnt
Powered by phpBB ® Forum Software phpBB 3.0.12 © phpBB Group
phpBB SEO
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
Modificato e aggiornato da Angolo di cielo • 2013

Accedi alla Versione Mobile
Pagina generata in: 0.028 secondi