Angolo di cielo

registrato su http://www.siticattolici.it/ e su http://www.noicattolici.it/







Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Accedi alla Versione Mobile

Regole del forum


Primo: Nessuno deve dire alcunché contro Dio.
Secondo: Si può criticare la Chiesa, se non conforme a Cristo, ma non la Scrittura che è Cristo.
Terzo: Non si offendono gli utenti del Forum.
Quarto: Ognuno è libero di esprimere le proprie idee nel rispetto degli altri.
Quinto: Tenere presente che per alcune persone Dio non è un optional.
Sesto: L'Amministratore agisce con autorevolezza.
Settimo: "Non condivido le tue idee, ma morirei perché tu le possa esprimere".
Ottavo: Non si fanno questioni personali, per le diverse idee espresse.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Il Farisaismo
MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2010, 10:25 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum
Avatar utente

Iscritto: giovedì 16 settembre 2010, 16:23
Messaggi: 267
LA PREGHIERA DEL FARISEO E DEL PUBBLICANO
XXX Domenica del tempo Ordinario: Luca 18, 9-14

L’evangelista Luca continua oggi la catechesi sulla preghiera introdotta da Gesù già la scorsa Domenica e lo fa presentando la parabola del fariseo e del pubblicano che pregano nel tempio.
“Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che presumevano di essere giusti e disprezzavano glia altri”. Per comprendere il significato della parabola del fariseo e del pubblicano abbiamo a disposizione questo versetto introduttivo e il versetto conclusivo:”Chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”. La parabola ci pone di fronte a due atteggiamenti nella preghiera. Luca però dice chiaro che si dovrebbe parlare di due atteggiamenti che rispecchiano il modi di intendere Dio e il prossimo. Il fariseo che presume di sé ed è sicuro della propria giustizia, è anche un giudice zelante e spietato nei confronti del prossimo. La parabola parla di preghiera, ma in realtà la preghiera è rivelatrice di qualcosa d’altro: ciò che va raddrizzato non è il modo di pregare, bensi il modo di concepire Dio e la sua salvezza, se stessi e il prossimo.
E facciamo attenzione a noi stessi, perché il fariseo è per i discepolo di Gesù una specie di simbolo in cui vengono ad assommarsi le nostre storture religiose: Luca ci induce a prestare attenzione a quel fariseo che è dentro ciascuno di noi.
“Due uomini salirono al tempio a pregare, uno era fariseo e l’altro pubblicano”. Inizia il fariseo che sta nel primo banco, ritto nella posa solenne della preghiera, ma ritto anche interiormente nella sua autosufficienza, e inizia così: “O Dio, ti ringrazio, perché io non sono come glia altri…” fa risalire a Dio la propria virtù e giustizia, ma questa sua dipendenza da Dio la perde lungo la strada e subito mette avanti il suo spirito di sacrificio, il suo digiuno, la sua osservanza scrupolosa della legge. A parte quel “ti ringrazio” dell’inizio il fariseo non prega: non guarda a Dio, non si confronta con lui, non aspetta nulla da lui, né gli chiede nulla. Si concentra su di sé e si confronta senza amore con gli altri, giudicandoli duramente. Non prega Dio, ma se stesso; il suo non è un dialogo, ma un monologo, la sua non è lode, ma autoincensazione. In questo suo atteggiamento non c’è nulla della preghiera. Non chiede nulla, e Dio non gli dà nulla.
Anche un pubblicano sale al tempio a pregare, e il suo atteggiamento è esattamente l’opposto di quello del fariseo. Si ferma a distanza, si batte il petto e dice: “O Dio, abbi pietà di me peccatore…”. Dice la verità: è al soldo dei pagani invasori ed è esoso nell’esigere i tributi: è certamente un peccatore. La sua umiltà non consiste nell’abbassarsi: la sua posizione è, infatti, certamente quella che descrive, come anche l’osservanza del fariseo era reale e non ipocrita. Ma il pubblicano è consapevole di essere peccatore, si sente bisognoso di cambiamento, sa di non potere pretendere nulla da Dio. Non ha nulla da vantare, nulla da pretendere. Può solo chiedere. Conta su Dio, non su se stesso. È questa l’umiltà di cui parla la parabola. Ed è questo l’atteggiamento che Gesù loda: non loda la sua vita di pubblicano, come non ha disprezzato le opere del fariseo.
“Io vi dico: questi tornò a casa sua giustificato, a differenza dell’altro: perché chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”. La conclusione è chiara e semplice: l’unico modo corretto di mettersi di fronte a Dio, nella preghiera e ancor più nella vita, è quello di sentirsi costantemente bisognosi del suo perdono e del suo amore. Le opere buone le dobbiamo fare, ma non è il caso di vantarsene. Come pure non è il caso di fare confronti con gli altri. Il confronto con i peccati degli altri, per quanto veri essi siano, non ci avvicinano al Signore.
Chi prega come il fariseo esce dal tempio senza avere incontrato Dio: “Io non rubo, io non ammazzo”. Va bene, ma non basta questo per avere la coscienza a posto. Tu che fai per gli altri? “Io penso a me”. Non è una virtù: è una colpa. Dio ci chiede cosa facciamo per salvare il prossimo e per salvarci con gli altri.


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Il Farisaismo
MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2010, 19:07 
Non connesso
Fan del Forum
Fan del Forum

Iscritto: giovedì 25 marzo 2010, 20:30
Messaggi: 451
Bello e soprattutto vero questo scritto.
A volte quando "parliamo" senza pensare, anche noi cadiamo nel peccato di "crederci" più buoni degli altri e magari in compagnia di colleghi, conoscenti parliamo e sparliamo...
E invece si deve essere umili, cercare di "scusare" quello che non ci piace negli altri perché anche noi possiamo "essere scusati" a nostra volta.
Poi un giorno, quando vediamo il tale o il tal altro che muore capiamo che siamo come l'erba, che puo essere falciata, nessuno escluso.

_________________
“Non fate peccati, e state allegri”. San Filippo Neri


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Il Farisaismo
MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2010, 21:12 
Non connesso
Fan del Forum
Fan del Forum

Iscritto: venerdì 5 marzo 2010, 1:01
Messaggi: 383
Ciao Benedetto, è molto bello ciò che hai postato. Spesso tendiamo a confrontarci con gli altri, con i peccati che fanno gli altri (anche inconsapevolmente), e pensando che noi non sbaglieremmo mai, questo no... Invece è facilissimo cadere nel peccato, anche in quello commesso dall'altro in cui l'ho rilevato.
Un'altra cosa, vorrei dire. Nella società attuale, molti cristiani, probabilmente perché non frequentano più la Chiesa o si sono allontanati, tendono a mettere come peccato solo il rubare, uccidere, prostituirsi. Ma il peccato è tutto ciò che offende Dio, non solo quello evidente!!!

Ciao, buona serata [k-bacio] [k-bacio]

_________________
Venusia


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Il Farisaismo
MessaggioInviato: mercoledì 27 ottobre 2010, 6:35 
Non connesso
Fan del Forum
Fan del Forum

Iscritto: giovedì 25 marzo 2010, 20:30
Messaggi: 451
Cita:
Nella società attuale, molti cristiani, probabilmente perché non frequentano più la Chiesa o si sono allontanati, tendono a mettere come peccato solo il rubare, uccidere, prostituirsi. Ma il peccato è tutto ciò che offende Dio, non solo quello evidente!!!


Sai che è proprio vero? Vedi anche se due ragazzi convivono, mica pensano di essere in peccato... se fanno la comunione senza confessarsi... (va bè, questo succede anche perché qua da me, (in un paesino) è difficile trovare dei preti che confessano al di fuori dei giorni prescritti.

_________________
“Non fate peccati, e state allegri”. San Filippo Neri


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Il Farisaismo
MessaggioInviato: mercoledì 27 ottobre 2010, 8:13 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum
Avatar utente

Iscritto: giovedì 16 settembre 2010, 16:23
Messaggi: 267
Ci vogliono alcune condizioni affinché una cosa sia peccato: per esempio che sia fatta deliberatamente pur sapendo che è peccato.
Comunque, mi viene male quando penso che i peccati sono di: pensieri, parole, azioni ed ommissioni.
E allora, quand'è che non pecchiamo?


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  

cron






Aggiungi http://angolodicielo.altervista.org ai Preferiti!

Blue Glow 2 designed by ChaosBurnt
Powered by phpBB ® Forum Software phpBB 3.0.12 © phpBB Group
phpBB SEO
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
Modificato e aggiornato da Angolo di cielo • 2013

Accedi alla Versione Mobile
Pagina generata in: 0.041 secondi