Angolo di cielo

registrato su http://www.siticattolici.it/ e su http://www.noicattolici.it/







Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Accedi alla Versione Mobile

Regole del forum


Primo: Nessuno deve dire alcunché contro Dio.
Secondo: Si può criticare la Chiesa, se non conforme a Cristo, ma non la Scrittura che è Cristo.
Terzo: Non si offendono gli utenti del Forum.
Quarto: Ognuno è libero di esprimere le proprie idee nel rispetto degli altri.
Quinto: Tenere presente che per alcune persone Dio non è un optional.
Sesto: L'Amministratore agisce con autorevolezza.
Settimo: "Non condivido le tue idee, ma morirei perché tu le possa esprimere".
Ottavo: Non si fanno questioni personali, per le diverse idee espresse.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Cosa sappiamo sull'aldilà?
MessaggioInviato: venerdì 21 gennaio 2011, 16:29 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum

Iscritto: martedì 11 gennaio 2011, 18:01
Messaggi: 290
Ieri sera a Matrix, si parlava dell'aldilà. Si esponevano le varie ipotesi, non solo cristiane. Ma cosa sappiamo realmente? L'argomento è affascinante.
Sappiamo che l'anima è immortale, che con la morte il corpo finisce... ma dopo, quest'anima immortale dove va? Cosa fa? Parlavano di Apocatastasi, citando Giovanni Paolo II. Ho cercato su Google, ma ho trovato informazioni frammentarie e poco chiare...
Per come l'hanno descritta a Matrix, sembrava una specie perdono anche dei dannati...
Ma io sapevo che l'Inferno è una condizione di condanna eterna...


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Cosa sappiamo sull'aldilà?
MessaggioInviato: venerdì 21 gennaio 2011, 23:38 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 15:59
Messaggi: 4149
Sito web: Visita
Certo che tu vai sul difficile... [k-ahah]
Cerco di rispondere nei limiti delle mie possibilità. E cerco di rispondere in modo semplice e chiaro. Premetto che non conosco riferimenti tra Giovanni Paolo II il grande e l'Apocatastasi. Quindi evito di parlare di quello che non conosco.

Dobbiamo innanzi tutto distinguere fra il dopo morte, e il dopo resurrezione. L'Apocatastasi, riguarderebbe il dopo resurrezione. Iniziamo da lì. L'Apocatastasi, è un'eresia, dichiarata tale dal Concilio Niceno-Costantinopolitano, il cui "ideatore" per alcuni aspetti è Origene. Secondo questa eresia, alla fine dei tempi, (quindi dopo il giudizio universale, dopo la risurrezione) Dio porrà in essere una Restaurazione dello stato primordiale della Creazione (il che è vero... per i giusti, per i salvati). I seguaci dell'Apocatastasi, ritengono però che questo riguarderà tutti, anche i dannati, e anche lo stesso satana. Si ritiene cioè, che l'Inferno, non sarebbe una condizione eterna, ma "temporanea", per cui alla fine tutti diventeranno buoni... escludendo la condanna eterna. In breve, la versione teologicamente dotta, di un'altra eresia contemporanea, qualificabile come "amnistia finale", per cui alcuni ritiene che alla fine... Dio perdona tutti... quindi non è il caso di essere "fiscali" nell'osservare la Sua Legge. È evidente, che questo è un inganno doppio di satana, doppio, in quanto uno è dotto, e l'altro meno dotto, per ingannare un numero più elevato di persone. A parte la chiara condanna del Concilio Niceno-Costantinopolitano, (da cui nasce l'omonimo Credo, per capire il grado di autorevolezza assoluta di quel Concilio), è lo stesso Vangelo, a dire molto chiaramente, che l'Inferno è una condizione eterna:


Cita:
Egli ha in mano il ventilabro, pulirà la sua aia e raccoglierà il suo grano nel granaio, ma brucerà la pula con un fuoco inestinguibile».
Matteo 3,12


Cita:
Se la tua mano ti scandalizza, tagliala: è meglio per te entrare nella vita monco, che con due mani andare nella Geenna, nel fuoco inestinguibile.
Marco 9,43


Cita:
Egli ha in mano il ventilabro per ripulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel granaio; ma la pula, la brucerà con fuoco inestinguibile».
Luca 3,17


Il Vangelo, lascia poco spazio a dubbi.


Circa il dopo morte, continuerei in seguito, dato l'interessante argomento che hai proposto.

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Cosa sappiamo sull'aldilà?
MessaggioInviato: sabato 22 gennaio 2011, 21:21 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum

Iscritto: martedì 11 gennaio 2011, 18:01
Messaggi: 290
Ma sai... io a volte penso, che alla fine, Dio riuscirà a fare tutto. A salvare tutti. Anche a fare convertire il diavolo. Non credo che pensare questo sia male. Io credo che Dio sia più grande di tutto, al di sopra di tutto. Non credo che pensare questo sia un'offesa a Dio.


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Cosa sappiamo sull'aldilà?
MessaggioInviato: domenica 23 gennaio 2011, 1:29 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 15:59
Messaggi: 4149
Sito web: Visita
Sicuramente intesa così, non è un'offesa Dio. Il problema è che il confine tra l'esaltazione della Misericordia e della grandezza di Dio, e questa eresia, è... sottilissimo e sfumato.
Un atto "finale" di Misericordia di Dio, deve necessariamente coesistere con la Giustizia di Dio (le dimensioni di Dio sono Giustizia e Amore). L'Apocatastasi, come anche la più recente eresia, considera Dio solo Amore. E l'Amore, senza Giustizia, è ingiusto. Non solo sul piano teologico o filosofico, ma anche in termini concreti: incesti, omosessualità, adulterio, e forse per alcuni aspetti, anche pedofilia, possono essere qualificati come esempi di amore ingiusto e sbagliato.
In Dio non ci può essere questo. Se a tutti toccasse la stessa sorte sarebbe assolutamente ingiusto. Ma cos'ha da spartire Giovanni Paolo II il grande, con Hitler o con Stalin???? Ma tu te lo sai immaginare uno come Hitler in Paradiso??? Io no.
Ma a parte queste considerazioni di logica e buon senso, è la Scrittura, in particolare il Vangelo, a dire chiaramente, che le condizioni finali, sono 2, e sono eterne: basti pensare alla parabola di Lazzaro e il ricco egoista.
Poi alla fine, il giudizio di Dio, che si esplica in Cristo, è a Sua totale discrezione. Dice infatti san Paolo:

Cita:
Egli infatti dice a Mosé:
Userò misericordia con chi vorrò,
e avrò pietà di chi vorrò averla.
Romani 9,15



San Giacomo, afferma che:

Cita:
il giudizio sarà senza misericordia contro chi non avrà usato misericordia; la misericordia invece ha sempre la meglio nel giudizio.
Giacomo 2,13



Che non significa: me ne frego della Legge di Dio, perché la misericordia ha la meglio. La misericordia ha la meglio, se uno ha usato misericordia. È diverso. Ora, uno come Hitler, quando avrebbe usato misericordia, perché gli sia usata misericordia?? Alla fine, questo è importante: cercare di osservare la Legge di Dio, che include la misericordia verso gli altri. Le parti più importanti della Legge dice Cristo, sono: "Giustizia, Misericordia, Fedeltà".

E inoltre...

Cita:
43 Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà al suo lavoro. 44 In verità vi dico, lo metterà a capo di tutti i suoi averi. 45 Ma se quel servo dicesse in cuor suo: Il padrone tarda a venire, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, 46 il padrone di quel servo arriverà nel giorno in cui meno se l'aspetta e in un'ora che non sa, e lo punirà con rigore assegnandogli il posto fra gli infedeli. 47 Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; 48 quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più.
Luca 12,43-48



E molti si creano l'alibi dicendo: "Ma io non uccido, non rubo, non picchio il prossimo"... Giovanni apostolo chiarisce:

Cita:
Fuori i cani, i fattucchieri, gli immorali, gli omicidi, gli idolàtri e chiunque ama e pratica la menzogna!
Apocalisse 22,15



I cani, sta per... cattivi. Non basta non uccidere, non picchiare e non rubare cose materiali per entrare nel Regno di Dio. Quella è la base, ma non basta. E forse, è più tollerabile il furto di qualche bene materiale, in caso di necessità (fame), che non il "furto" di una persona (adulterio).

Poi solo Dio sa, e userà misericordia con chi vorrà... e con chi non vorrà, non la userà, a Sua totale discrezione. Ma questo non c'entra con l'Apocatastasi.

Circa il discorso della condizione eterna...
Il Vangelo lo chiarisce:

Cita:
47 Se il tuo occhio ti scandalizza, cavalo: è meglio per te entrare nel Regno di Dio con un occhio solo, che essere gettato con due occhi nella Geenna, 48 dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.
Marco 9,47-48


Dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue, è una perifrasi che indica chiaramente una condizione che non finisce mai. In una condizione limitata, il verme morirebbe, e il fuoco si estinguerebbe.
Il Vangelo dice chiaramente (non solo qui, ma anche altrove), che l'Inferno è eterno. La condanna è eterna. Così stanno le cose.
Chi non crede nel Vangelo, come afferma Giovanni Paolo II il grande, non è cristiano.


Circa satana, e perché "non si converte"... dovresti leggere l'argomento sul problema delle origini del male. In sintesi, lo spirito, è per sua natura, immutabile. Ma soprattutto, la stessa Scrittura afferma che:

Cita:
E il diavolo, che li aveva sedotti, fu gettato nello stagno di fuoco e zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta: saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli.
Apocalisse 20,10



La bestia è l'anticristo escatologico. Come detto altrove, questa è Parola di Dio, e se è Parola di Dio, è Parola di Dio. Per i secoli dei secoli, significa in eterno.

Così stanno le cose.

Anche perché dimentichiamo sempre la questione libero arbitrio: in definitiva si danna, chi non si vuole sottomettere con umiltà a Dio e alla Sua Legge. Punto. Satana, è l'angelo ribelle, che si è ribellato, perché non si è voluto sottomettere alla volontà di Dio Padre, che voleva che Suo Figlio, vero Dio, diventasse vero uomo. Se satana, si fosse sottomesso con umiltà alla volontà di Dio Padre, riconoscendo l'assoluta sovranità di Cristo, non sarebbe diventato malvagio. Lui non si è voluto sottomettere. E Dio rispetta questa sua scelta, nonostante tutto. Ferme restando le conseguenze. Così è per i dannati. I dannati non si vogliono sottomettere a Dio e alla Sua Legge. Quindi è evidente, che la condizione è necessariamente eterna.
Non si può perdonare chi non è pentito.
Ulteriore prova a carico dell'assurdità dell'Apocatastasi: hai mai provato ad aiutare qualcuno che non si vuole fare aiutare??? È impossibile.

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Cosa sappiamo sull'aldilà?
MessaggioInviato: domenica 23 gennaio 2011, 18:26 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum

Iscritto: martedì 11 gennaio 2011, 18:01
Messaggi: 290
Sì chiaro. In pratica Dio vuole salvare tutti, ma se uno rifiuta la salvezza, per la questione libero arbitrio, Dio non lo può salvare, perché violerebbe la libertà della scelta.
Mentre nella questione dopo morte, sappiamo che c'è il Paradiso, l'Inferno e il Purgatorio. Ma cosa sappiamo? Come funziona? Sperando di andarci, cosa si fa in Paradiso?


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  








Aggiungi http://angolodicielo.altervista.org ai Preferiti!

Blue Glow 2 designed by ChaosBurnt
Powered by phpBB ® Forum Software phpBB 3.0.12 © phpBB Group
phpBB SEO
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
Modificato e aggiornato da Angolo di cielo • 2013

Accedi alla Versione Mobile
Pagina generata in: 0.045 secondi