Angolo di cielo

registrato su http://www.siticattolici.it/ e su http://www.noicattolici.it/







Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Accedi alla Versione Mobile

Regole del forum


Primo: Nessuno deve dire alcunché contro Dio.
Secondo: Si può criticare la Chiesa, se non conforme a Cristo, ma non la Scrittura che è Cristo.
Terzo: Non si offendono gli utenti del Forum.
Quarto: Ognuno è libero di esprimere le proprie idee nel rispetto degli altri.
Quinto: Tenere presente che per alcune persone Dio non è un optional.
Sesto: L'Amministratore agisce con autorevolezza.
Settimo: "Non condivido le tue idee, ma morirei perché tu le possa esprimere".
Ottavo: Non si fanno questioni personali, per le diverse idee espresse.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Chi si confessa e chi no
MessaggioInviato: giovedì 19 maggio 2011, 14:50 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum
Avatar utente

Iscritto: giovedì 16 settembre 2010, 16:23
Messaggi: 267
Ho trovato su Internet questo articolo:


Cita:
CATTOLICI: 28% ITALIANI NON SI CONFESSA PER 'COLPA' DEI PRETI

Milano, 29 Gen. (Adnkronos) - I confessionali delle chiese sono sempre più vuoti per ''colpa'' dei sacerdoti. Per oltre un quarto degli italiani che si dichiarano cattolici ciò che fa maggiormente problema nell'attuale modo di confessarsi è la presenza del prete: il 28% infatti è del parere che non sia necessario, perché basta pentirsi davanti a Dio. Al secondo posto, tra le cause che tengono i fedeli lontano dalle grate, c'è ''il modo di confessare di alcuni preti'', che è criticato dal 19% della popolazione e dal 22% dei giovani. L'11% si sente a disagio nel raccontare ad un altro uomo le proprie colpe. Il 5% snobba il sacramento perché non ritiene peccato ciò che invece lo è per la Chiesa.

È quanto emerge da una ricerca sul rapporto tra gli italiani e il sacramento della confessione realizzata dall'università Cattolica su un campione nazionale di 4.500 persone, tra i 18 e i 74 anni, i cui risultati sono ampiamente discussi sulla rivista ''Annali di scienze religiose'' diretta da Antonio Acerbi.

La quota di chi si confessa frequentemente, cioè circa una volta al mese o più spesso, è pari al 16%. Coloro che fanno la confessione a scadenza annuale o qualche volta durante l'anno sono il 37%. Coloro che non vanno mai dal confessore o ci vanno solo a distanza di diversi anni sono il 47%. Se si scompongono i dati per sesso e per età, si scopre che i maschi che si confessano almeno una volta al mese solo il 9% e non raggiungono punte elevate in nessuna età, neanche da anziani (13%). Lo stesso non si può dire delle femmine, che presentano valori medi di frequenza del sacramento molto superiori (23%) e con notevoli differenze tra le classi di età: si passa dal 13% delle donne di 22-29 anni a quasi il 40% di quelle di 65-74 anni.


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Chi si confessa e chi no
MessaggioInviato: giovedì 19 maggio 2011, 18:04 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 15:59
Messaggi: 4127
Sito web: Visita
Bisognerebbe vedere cosa si intende per "modo di confessare di alcuni preti"... può significare tutto e niente. A parte questo, a mio avviso, i confessionali, prima di tutto, devono essere riempiti dai preti. E spesso i confessionali sono vuoti, perché non c'è il prete. In alcuni posti, si deve fare domanda in carta bollata (ovviamente è un'iperbole) per essere confessati.
A parte questo, la disaffezione al sacramento, come al solito, è causata dall'ignoranza... Cos'è la Confessione, lo si deve sapere per la Prima Confessione... molti fanno fare la Prima Comunione a tutti, al di là della preparazione... questi sono i risultati. Ma questo è solo un aspetto.


Inoltre, data la delicatezza della tematica, a me il numero dei campioni pare basso... nel senso che la tematica è tale, che ogni comportamento, è strettamente individuale. Non è una cosa di gruppo, come un orientamento politico...

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Chi si confessa e chi no
MessaggioInviato: venerdì 20 maggio 2011, 18:36 
Non connesso
Professionista del Forum
Professionista del Forum

Iscritto: martedì 11 gennaio 2011, 18:01
Messaggi: 290
Secondo me, salvo alcune persone convinte, chi avesse certezza di morire domani, si andrebbe a confessare di corsa. Non dico come si diceva nel mediovevo: "Ricordati che devi morire"... ma se ci ricordassimo che la morte tocca a tutti, terremmo in diversa considerezione questo sacramento. Facciamo gli scaltri quando va tutto bene... ma quando la fine si avvicina (ammesso che la cosa non sia improvvisa), tutta questa spavalderia scompare.


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Chi si confessa e chi no
MessaggioInviato: venerdì 20 maggio 2011, 19:53 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 15:59
Messaggi: 4127
Sito web: Visita
Una volta per i sacerdoti, in una sacrestia era scritto:


Cita:
Celebro questa santa Messa:
- Come se fosse la prima
- Come se fosse l'ultima
- Come se fosse l'unica



Allo stesso modo, se vivessimo ogni giorno della nostra vita, come se fosse il primo, l'ultimo e l'unico, il mondo sarebbe quasi sicuramente migliore e non di poco. Solo che questa è un'utopia. Tenere più a mente la morte, e il fine ultimo dell'uomo (che è nel dopo morte), aiuterebbe ad avere le idee più chiare. La paura, nella giusta misura, può essere costruttiva; ma è soprattutto l'Amore, quello che fa la differenza. La ricerca del perdono di Dio, deve essere prima di tutto una scelta d'Amore, perché abbiamo sì trasgredito la Legge... ma di Colui che (unico) "è degno di essere amato sopra ogni cosa". La paura, o meglio, il Timor di Dio (che è un dono dello Spirito Santo) ci deve servire semmai prima di peccare, non dopo aver peccato. Dopo aver peccato, serve amore, umiltà, sincerità, onestà.

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Chi si confessa e chi no
MessaggioInviato: venerdì 20 maggio 2011, 20:09 
Non connesso
Fan del Forum
Fan del Forum

Iscritto: giovedì 25 marzo 2010, 20:30
Messaggi: 451
Cita:
Allo stesso modo, se vivessimo ogni giorno della nostra vita, come se fosse il primo, l'ultimo e l'unico, il mondo sarebbe quasi sicuramente migliore e non di poco. Solo che questa è un'utopia. Tenere più a mente la morte, e il fine ultimo dell'uomo (che è nel dopo morte), aiuterebbe ad avere le idee più chiare. La paura, nella giusta misura, può essere costruttiva; ma è soprattutto l'Amore, quello che fa la differenza. La ricerca del perdono di Dio, deve essere prima di tutto una scelta d'Amore, perché abbiamo sì trasgredito la Legge... ma di Colui che (unico) "è degno di essere amato sopra ogni cosa". La paura, o meglio, il Timor di Dio (che è un dono dello Spirito Santo) ci deve servire semmai prima di peccare, non dopo aver peccato. Dopo aver peccato, serve amore, umiltà, sincerità, onestà.


[k-sìsì] è vero. Inoltre penso che ci voglia tanta umiltà andare a confessarsi e quindi ad obbedire a questo precetto. La creatura deve sempre essere creatura e non voler decidere da sola ciò che è giusto e ciò che non lo è. La creatura (noi) non è Dio.

_________________
“Non fate peccati, e state allegri”. San Filippo Neri


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  








Aggiungi http://angolodicielo.altervista.org ai Preferiti!

Blue Glow 2 designed by ChaosBurnt
Powered by phpBB ® Forum Software phpBB 3.0.12 © phpBB Group
phpBB SEO
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
Modificato e aggiornato da Angolo di cielo • 2013

Accedi alla Versione Mobile
Versione Pasquale
Pagina generata in: 0.054 secondi