Angolo di cielo

registrato su http://www.siticattolici.it/ e su http://www.noicattolici.it/







Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Accedi alla Versione Mobile

Regole del forum


Primo: Nessuno deve dire alcunché contro Dio.
Secondo: Si può criticare la Chiesa, se non conforme a Cristo, ma non la Scrittura che è Cristo.
Terzo: Non si offendono gli utenti del Forum.
Quarto: Ognuno è libero di esprimere le proprie idee nel rispetto degli altri.
Quinto: Tenere presente che per alcune persone Dio non è un optional.
Sesto: L'Amministratore agisce con autorevolezza.
Settimo: "Non condivido le tue idee, ma morirei perché tu le possa esprimere".
Ottavo: Non si fanno questioni personali, per le diverse idee espresse.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Benedetto XVI: preservativi, sacerdozio alle donne, dimissioni
MessaggioInviato: lunedì 22 novembre 2010, 10:05 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 15:59
Messaggi: 4150
Sito web: Visita
Luce del mondo, è il titolo del libro-intervista concesso da Benedetto XVI al giornalista scrittore Peter Seewald. Diversi e interessanti i temi trattati. Riportiamo alcuni stralci...


Preservativi e AIDS
Cita:
Concentrarsi solo sul profilattico vuol dire banalizzare la sessualità, e questa banalizzazione rappresenta proprio la pericolosa ragione per cui tante e tante persone nella sessualità non vedono più l'espressione del loro amore, ma soltanto una sorta di droga, che si somministrano da sé. Perciò anche la lotta contro la banalizzazione della sessualità è parte del grande sforzo affinché la sessualità venga valutata positivamente e possa esercitare il suo effetto positivo sull'essere umano nella sua totalità.
Vi possono essere singoli casi giustificati, ad esempio quando una prostituta utilizza un profilattico, e questo può essere il primo passo verso una moralizzazione, un primo atto di responsabilità per sviluppare di nuovo la consapevolezza del fatto che non tutto è permesso e che non si può far tutto ciò che si vuole. Tuttavia, questo non è il modo vero e proprio per vincere l'infezione dell'HIV. È veramente necessaria una umanizzazione della sessualità.

Dal che si deduce, che si è fatto e si sta facendo, come direbbe Shakesperare, "Molto rumore per nulla". È evidente, che sarebbe moralmente contraddittorio, non usare il preservativo (perché sbagliato) e praticare il sesso contribuendo alla diffusione dell'HIV. È evidente, che la strada maestra rimane la castità (infatti più volte Benedetto XVI, ha ribadito che i preservativi non sono la soluzione: la soluzione migliore è la castità. È un fatto oggettivo. Niente contatto fisico, niente contaggi. Non si scappa. E sfido chiunque a dimostrare il contrario. Ma se uno decide di non seguire la castità (assumendosene la responsabilità, coi fatti, non a parole) o nel caso delle prostitute, spesso costrette, perché schiave... è chiaro che l'uso del preservativo, è il male minore, inibendo la diffusione dell'HIV. Inibendo… non totalmente. Perché, ricordiamo, il preservativo, riduce notevolmente il rischio, ma non lo elimina completamente. Non al 100%. Per avere sicurezza al 100% c'è solo una strada: la castità, o meglio, per la massa... la fedeltà. Se si è fedeli al proprio partner, l'AIDS non si diffonde. È molto semplice. Se ognuno sta al proprio posto, la malattia non si diffonde. Nessuna "svolta" quindi. Anche Giovanni Paolo II il grande, concesse, non l'uso del preservativo, ma addirittura l'uso della pillola (pillola preventiva, non del giorno dopo... quella... mai!!!!), ad alcune suore, che in alcune aree di missione, "difficili", venivano sistematicamente violentate. Precisando, che le autorizzava (data la gravità del caso specifico), ma non le obbligava, lasciando loro libertà di coscienza. Ma poiché la morale, a differenza della Dogmatica, non è immutabile né indiscutibile, è probabile che in futuro, ci siano reali cambiamenti in merito. In futuro, non significa in settimana o nei prossimi anni. Ma è evidente, che l'assetto morale, cambierà nei prossimi decenni, e nei prossimi secoli.



Novissimi
Cita:
È una questione molto seria. La nostra predicazione, il nostro annunzio effettivamente è ampiamente orientato, in modo unilaterale, alla creazione di un mondo migliore, mentre il mondo realmente migliore quasi non è più menzionato. Qui dobbiamo fare un esame di coscienza. Certo, si cerca di venire incontro all'uditorio, di dire loro quello che è nel loro orizzonte. Ma il nostro compito è allo stesso tempo sfondare quest'orizzonte, ampliarlo, e di guardare alle cose ultime. I novissimi sono come pane duro per gli uomini di oggi. Gli appaiono irreali. Vorrebbero al loro posto risposte concrete per l'oggi, soluzioni per le tribolazioni quotidiane. Ma sono risposte che restano a metà se non permettono anche di presentire e riconoscere che io mi estendo oltre questa vita materiale, che c'è il giudizio, e che c'è la grazia e l'eternità. In questo senso dobbiamo anche trovare parole e modi nuovi, per permettere all'uomo di sfondare il muro del suono del finito.

Parusia e Parusia Intermedia
Cita:
È importante che ogni epoca stia presso il Signore. Che anche noi stessi, qui ed ora, siamo sotto il giudizio del Signore e ci lasciamo giudicare dal suo tribunale. Si discuteva di una duplice venuta di Cristo, una a Betlemme ed una alla fine dei tempi, sino a quando san Bernardo di Chiaravalle parlò di un Adventus medius, di una venuta intermedia, attraverso la quale sempre Egli periodicamente entra nella Storia. Credo che abbia preso la tonalità giusta. Noi non possiamo stabilire quando il mondo finirà. Cristo stesso dice che nessuno lo sa, nemmeno il Figlio. Dobbiamo però rimanere per così dire sempre presso la sua venuta, e soprattutto essere certi che, nelle pene, Egli è vicino. Allo stesso tempo dovremmo sapere che per le nostre azioni siamo sotto il suo giudizio.

La Chiesa, i credenti, non devono aver paura di affermare la verità. E parte della verità, sono i novissimi: Morte, Giudizio, Inferno, Paradiso. Nonché il Ritorno di Cristo, ovvero la Parusia, la fine del mondo. Benedetto XVI, cita Bernardo di Chiaravalle, che tra gli altri, parlò della c.d. Parusia Intermedia. Ora, la Parusia Intermedia, è un'eresia, una falsità indiscussa. Ovviamente, Benedetto XVI, non è certo diventato eretico; egli cita il santo di Chiravalle, il quale intendeva la Parusia Intermedia, nella sua unica corretta e accettabile accezione: la Presenza di Gesù Cristo, nella vita della Chiesa, nella vita di ognuno di noi, in base a quanto attesta lo stesso Vangelo: "Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo". Questa è l'unica vera e possibile Parusia Intermedia. Ogni altra ipotesi, è del tutto sbagliata, senza possibilità di eccezione. Come chiaramente espresso dal Magistero della Chiesa, e ribadito nel CCC, a proposito della condanna assoluta contro il millenarismo (teologico). Per la vera e unica Parusia, si reinvia ad altro argomento presente sul forum.



Sacerdozio alla donne
Cita:
La formulazione di Giovanni Paolo II è molto importante: "La Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l'ordinazione sacerdotale". Non si tratta di non volere ma di non potere. Il Signore ha dato una forma alla Chiesa con i Dodici e poi con la loro successione, con i vescovi ed i presbiteri (i sacerdoti). Non siamo stati noi a creare questa forma della Chiesa, bensi è costitutiva a partire da Lui. Seguirla è un atto di obbedienza, nella situazione odierna forse uno degli atti di obbedienza più gravosi. Ma proprio questo è importante, che la Chiesa mostri di non essere un regime dell'arbitrio. Non possiamo fare quello che vogliamo. C'è invece una volontà del Signore per noi, alla quale ci atteniamo, anche se questo è faticoso e difficile nella cultura e nella civiltà di oggi. Tra l'altro, le funzioni affidate alle donne nella Chiesa sono talmente grandi e significative che non può parlarsi di discriminazione. Sarebbe così se il sacerdozio fosse una specie di dominio, mentre al contrario deve essere completamente servizio. Se si dà uno sguardo alla storia della Chiesa, allora ci si accorge che il significato delle donne - da Maria a Monica sino a Madre Teresa - è talmente eminente che per molti versi le donne definiscono il volto della Chiesa più degli uomini.

Circa il sacerdozio alla donne, si è discusso anche in questo forum, e si è rilevato come di fatto, la preclusione delle donne al sacerdozio, si debba considerare principio di deposito della fede. Del resto, Gesù Cristo stesso, nella Sua sovranità, deliberatamente, non ha voluto chiamare donne quali apostoli. E nemmeno tra i 72 discepoli. Ma solo uomini. Eppure, c'erano donne al Suo seguito. Il Vangelo lo attesta. Questo non significa donna inferiore all'uomo, ma significa che uomini e donne, sono diversi, e hanno da Dio incarichi diversi. Gli uomini, non possono vivere la maternità, grande dono (più grande della paternità, per ovvie ragioni); le donne, non possono vivere il sacerdozio, se non come credenti battezzate e cresimate, per cui ogni credente, è sacerdote, re e profeta. Ma non possono e non devono accedere al sacramento dell'Ordine. Questo ormai deve ritenersi di forza Dogmatica, dunque, indiscutibile. Piaccia o meno. Tuttavia, non si può escludere l'accesso al diaconato, per ragioni storiche. E io sarei molto favorevole. Ma mai al presbiterato, e soprattutto all'episcopato. Questo sarebbe assolutamente contrario al Vangelo.


Circa le voci di dimissioni relative a Benedetto XVI, avrebbe il sacro santo diritto di dimettersi, se non se la sentisse più, specie per motivi di salute. Diritto, non dovere. Il dovere, per un pontefice, ci sarebbe solo forzatamente, se perdesse il senno e iniziasse a dire cose contrarie al Vangelo. Non è certamente questo il caso.

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

 Oggetto del messaggio: Benedetto XVI: preservativi, sacerdozio alle donne, dimissioni
MessaggioInviato: martedì 23 novembre 2010, 21:48 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto: lunedì 6 ottobre 2008, 15:59
Messaggi: 4150
Sito web: Visita
Benedetto XVI, nel libro-intervista in questione, afferma giustamente, che:

Cita:
L’omosessualità è "una grande prova" di fronte alla quale una persona può trovarsi, "così come una persona può dovere sopportare altre prove". Ma "non per questo diviene moralmente giusta". Nel capitolo 14 del libro si legge: "Se qualcuno presenta delle tendenze radicate omosessuali profondamente radicate - ed oggi ancora non si sa se sono effettivamente congenite oppure se nascano invece con la prima fanciullezza - se in ogni caso queste tendenze hanno un certo potere su quella data persona, allora questa è per lui una grande prova, così come una persona può dovere sopportare altre prove". Benedetto XVI sottolinea che gli omosessuali vanno rispettati come persone che "non devono essere discriminate perché presentano quelle tendenze. Il rispetto per la persona è assolutamente fondamentale e decisivo. E tuttavia - osserva il Papa - il senso profondo della sessualità è un altro. Si potrebbe dire, volendosi esprimere in questi termini, che l’evoluzione ha generato la sessualità al fine della riproduzione". "Si tratta - prosegue più oltre Benedetto XVI - della profonda verità di ciò che la sessualità significa nella struttura dell’essere umano". Parlando poi della l’omosessualità come di "una grande prova" che una persona può trovarsi a sopportare, il Papa rimarca che "non per questo l’omosessualità diviene moralmente giusta, bensi rimane qualcosa che è contro la natura di quello che Dio ha originariamente voluto". Inoltre "L’omosessualità non è conciliabile con il ministero sacerdotale, perché altrimenti anche il celibato come rinuncia non ha alcun senso", scrive il Papa. "Sarebbe un grande pericolo se il celibato divenisse motivo per avviare al sacerdozio persone che in ogni caso non desiderano sposarsi, perché in fin dei conti anche il loro atteggiamento nei confronti di uomo e donna è è in qualche modo alterato, ed in ogni caso non è in quell’ordine della creazione del quale abbiamo parlato". "È necessario - aggiunge Ratzinger - usare molta attenzione affinché il celibato dei preti non venga identificato con la tendenza all’omosessualità".


Si tratta di citazione pseudotestuale, tratta da: http://www.ilgiornale.it

In breve, come è noto, sin dagli albori del Cristianesimo, vige condanna assoluta contro l'omosessualità, che è male, è sbagliata, è anomala, è contro natura, è contro l'ordine stabilito da Dio, è contro la Sua Legge; e comprensione verso gli omosessuali, costretti a vivere questa pesante croce: essere o diventare (a seconda dei casi), omosessuali, e non vivere questa omosessualità concretamente. Ciò che chiede il Vangelo:


Matteo 16,24 ha scritto:
Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.

Marco 8,34 ha scritto:
Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro di me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.

Luca 9,23 ha scritto:
Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.



Non si può essere cristiani e vivere l'omosessualità. Sono assolutamente incompatibili Cristianesimo e omosessualità (vissuta). Si può invece essere omosessuali, e vivere eroicamente il Cristianesimo, fino alla santità, rinnegando se stessi (la propria omosessualità) e portandosi la propria croce (non vivere questa omosessualità).
Tutti gli omosessuali, comunque, devono essere rispettati; ma un rispetto speciale, lo meritano quegli omosessuali, che rinnegando la loro omosessualità, si portano la loro croce. Rispetto e ammirazione per questi, che non richiedono riconoscimenti pubblici, che stanno in silenzio, e che se proprio non ce la fanno, la vivono con discrezione, senza suonare le trombe. Tutti devono essere rispettati. Ma questi, meritano anche la nostra ammirazione. E ce ne sono parecchi. Le persone serie e intelligenti, non sono in estinzione. Anche se gli sfacciati, che richiedono riconoscimenti pubblici a cui non hanno diritto, fanno più rumore. Diverso è il caso di quegli omosessuali, che richiedono tutele contro le discriminazioni. Questi hanno pienamente ragione. A condizione, che non mescolino diritti legittimi, come il non essere discriminati o maltrattati, con riconoscimenti che spettano solo e soltanto alle coppie eterosessuali, preferibilmente sposate. Che siano la maggioranza o la minoranza. Ma sono la maggioranza ancora. Solo che la Giustizia, non si misura con la maggioranza.

_________________
Il Venerabile Beda

Immagine

Noi, siamo sfacciatamente di parte, e ce ne vantiamo!

****

Immagine

Angolo di cielo, link ufficiale: http://angolodicielo.altervista.org


Top
 Profilo  
Condividi su Google+Condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su FriendFeedCondividi su SonicoCondividi su DiggCondividi su RedditCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su MySpace  Segnala argomento
 

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


   Argomenti correlati   Risposte   Visite    Ultimo messaggio 
Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Le dimissioni di Monti e il ritorno di Berlusconi

[ Vai alla pagina: 1, 2 ]

in Varie e attualità

7

389

giovedì 27 dicembre 2012, 22:10

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Grazie Benedetto XVI

in Cristiani - Cattolici

0

371

giovedì 7 marzo 2013, 20:18

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Benedetto XVI su Twitter

in Varie e attualità

1

155

domenica 23 dicembre 2012, 19:46

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Benedetto XVI si dimette

[ Vai alla pagina: 1, 2 ]

in Cristiani - Cattolici

7

404

mercoledì 27 febbraio 2013, 14:57

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Ultimo Motu proprio di Benedetto XVI

in Cristiani - Cattolici

0

252

lunedì 25 febbraio 2013, 15:27

Venerabile Beda Vedi ultimo messaggio



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  

cron






Aggiungi http://angolodicielo.altervista.org ai Preferiti!

Blue Glow 2 designed by ChaosBurnt
Powered by phpBB ® Forum Software phpBB 3.0.12 © phpBB Group
phpBB SEO
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
Modificato e aggiornato da Angolo di cielo • 2013

Accedi alla Versione Mobile
Pagina generata in: 0.028 secondi